• Denominazione
    Vin Santo del Chianti DOC
  • Vitigni
    Trebbiano Toscano 80% - Malvasia del Chianti 20%
  • Produzione
    1.000 bottiglie
  • Zona di provenienza
    Montespertoli, Firenze (Toscana)
Il colore è dorato intenso, luminoso e con riflessi ambrati e aranciati. Al profumo spicca il tipico carattere di nespola matura, albicocche e fichi essiccati, ma anche di foraggio affienato e miele. In bocca è prorompente ed esplosivo con un sapore lungo, pieno, avvolgente e setoso. Sorprende per la freschezza e la buona acidità, in perfetto equilibrio con la nota dolce e zuccherina, che lo rendono amabile e attraente, senza eccessi nel rispetto della migliore tradizione del Chianti.

SCHEDA TECNICA

  • Tipologia del terreno
    Franco - argilloso, mediamente calcareo
  • Sistema d’allevamento
    Cordone speronato
  • Densità d’impianto
    4.200 piante/HA
  • Resa di uva per ettaro
    70 q.li/HA
  • Periodo di vendemmia
    Fine Settembre
  • Contenuto alcolico
    14,95%
  • pH
    3,60
  • Acidità totale
    6,20 g/l
  • Residuo zuccherino
    82,10 g/l
Vinificazione e spumantizzazione
L’uva viene attentamente selezionata e raccolta a mano a maturazione tecnologica ottimale per poi essere appesa nei vecchi ''appassitoi a fili'' della cantina. Attraverso questa pratica i grappoli non entrano in contatto tra loro e la fase di disidratazione può compiersi con i giusti tempi, salvaguardando al massimo l'integrità e la sanità della frutta. Quando la perdita d'acqua e la concentrazione zuccherina e aromatica raggiungono i livelli desiderati (metà gennaio), i grappoli vengono staccati dai telai, ripuliti dagli eventuali attacchi di muffa e quindi sottoposti a pigiadiraspatura e pressatura attraverso un antico torchio verticale (''strettoio''). La spremitura dura per 2-3 giorni, fintanto che si riesce a estrarre anche solo poche gocce di ''nettare''. Il mosto viene così pulito per decantazione a temperatura ambiente e successivamente trasferito nei fusti di legno (carati da 100 litri e barrique), dove il prodotto riposa ''scolmo'' per 15 anni in un ambiente esposto alle naturali oscillazioni termiche e di umidità (vinsantaia). Infine il vino viene estratto dal legno e sistemato provvisoriamente in piccoli serbatoi di acciaio inox per la chiarifica finale e la preparazione all'imbottigliamento che avviene rigorosamente senza filtrazione.
Consigli per il servizio
Temperatura tra 9 e 11 °C in calici di media ampiezza.
Abbinamenti gastronomici
Ideale per accompagnare formaggi erborinati, complessi a pasta dura e molto stagionati. Indicato anche come vino da meditazione e in abbinamento alla ricca pasticceria secca della tradizione Toscana (panforti, pan de' santi, cavallucci e cantucci).